Le Notizie

Sabato 29 Maggio 2021
Conf.A.S.I. Scuola scrive al Ministro Bianchi e al Ministro Stefani
La Conf.A.S.I. CONFederazione Autonoma Sindacati Italiani - Comparto Scuola, alla luce delle segnalazioni pervenute dalle strutture Conf.A.S.I. Scuola presenti sul territorio ha inoltrato un’istanza al Ministro dell’Istruzione Prof. Patrizio Bianchi e al Ministro della Disabilità Sen. Erika Stefani chiedendo una modifica al testo di cui all’art. 1 comma 6 “Ordinanza sulla mobilità personale docente, educativo ed ATA per l’anno scolastico 2021/22”.

In particolare, si chiede di intervenire eliminando – nel detto Articolo – l’inciso finale "purché le condizioni ivi previste siano intervenute successivamente alla data di iscrizione ai rispettivi bandi concorsuali ovvero all'inserimento periodico nelle graduatorie di cui all'articolo 401 del Testo Unico": “In attuazione di quanto previsto dall’articolo 399, comma 3 del decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297 (di seguito Testo Unico), a decorrere dalle immissioni in ruolo disposte per l’anno scolastico 2020/2021, i docenti a qualunque titolo destinatari di nomina a tempo indeterminato possono chiedere il trasferimento, il passaggio di cattedra o di ruolo, l’assegnazione provvisoria o l’utilizzazione in altra istituzione scolastica, ovvero ricoprire incarichi di insegnamento a tempo determinato in altro ruolo o classe di concorso soltanto dopo cinque anni scolastici di effettivo servizio nell’istituzione scolastica di titolarità, fatte salve le situazioni sopravvenute di esubero o soprannumero. La medesima disposizione non si applica al personale di cui all’articolo 33, commi 3 e 6, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, purché le condizioni ivi previste siano intervenute successivamente alla data di iscrizione ai rispettivi bandi concorsuali ovvero all'inserimento periodico nelle graduatorie di cui all'articolo 401 del Testo Unico”.

«In questo modo chiediamo che la parte barrata venga elisa dal testo, in quanto ritenuta particolarmente lesiva dei diritti di tutti quei disabili che hanno ottenuto il riconoscimento della titolarità della legge 104 in periodi antecedenti la data di iscrizione ai rispettivi bandi concorsuali, oppure all’inserimento periodico nelle graduatorie di cui all’art. 401 del Testo Unico» spiega il Presidente di Conf.A.S.I. Nazionale Antonio La Ghezza, tra i firmatari insieme alla Coordinatrice Nazionale Conf.A.S.I. Comparto Scuola Adele Sammarro, al Vice Coordinatore Nazionale Conf.A.S.I. Comparto Scuola Davide Lercara e al Prof. Salvatore Liotta, Conf.A.S.I. Sicilia Scuola Prov. Agrigento.
Scarica Allegato
torna all'archivio Le Notizie
© 2021 Conf.A.S.I. - P.IVA 12392501008 - Cod.Fisc. 97531800585 - Tutti i diritti sono riservati. | Privacy Policy
Sesamo Software S.p.A.